Gestione dei pesi

Sezione 4, lezione 4

Uno dei maggiori accorgimenti, quando ci troviamo in barca, è capire come disporre l’equipaggio, per far sì che il peso sia distribuito in modo da consentirci di ottenere le migliori performance possibili.

Dal punto di vista fisico, infatti, la barca viene rallentata dall'attrito che l’acqua le oppone. Una barca sbandata, quindi, offrirà una superficie di contatto minore, riducendo così l’attrito e riducendo la forza che frena la barca. D’altro canto, però, una barca troppo sbandata perde di manovrabilità, in quanto le superfici di controllo (come timoni e chiglia), essendo immersi di meno, fanno più fatica ad opporre resistenza al flusso d’acqua, per controllare la barca. Un approfondimento sul funzionamento del timone può essere trovato nella lezione 7.2.

Quali sono quindi le regole generali che ci permettono di ottenere i migliori risultati?

In condizioni di scarso vento, l’equipaggio dovrà sistemarsi sottovento e verso l’albero, così da sbandare la barca (e ridurre quindi l’attrito) e al contempo sollevare la poppa, immergendo invece la prua, che oppone molta meno resistenza.

In condizioni di vento forte, invece, si tenderà a fare l’opposto: la barca sarà sbandata a causa del vento, e l’equipaggio dovrà sistemarsi sopravento per ridurre l’inclinazione aumentando la manovrabilità. In condizioni come queste, è opportuno che il timoniere sistemi i pesi (alcuni membri dell’equipaggio possono comunque essere sistemati sottovento) per tentare di ottenere le massime prestazioni, senza sacrificare la manovrabilità.

 

Crewhale sailing e i suoi collaboratori non si assumono alcuna responsabilità per danni a oggetti o persone causati dall'applicazione delle tecniche riportate nel corso.

Engineered & Powered by Davide Dan
All Rights Reserved