Abbattuta

Sezione 3, lezione 4

L’abbattuta è una manovra molto simile alla virata, in quanto consiste in un cambio di mure, da gran lasco a gran lasco, passando con la poppa al vento.

Sebbene spesso “abbattuta” e “strambata” siano considerate la stessa manovra, la strambata è un’abbattuta involontaria, spesso causata da una cattiva conduzione della barca da parte del timoniere.

Questa manovra viene eseguita più lentamente della virata, in quanto la barca non avrà mai il vento che preme contro di essa, rallentandola, ma anzi darà sempre propulsione. A differenza della virata si esegue poggiando e non orzando.

Le fasi per eseguirla sono:

  1. Dal gran lasco, con le vele regolate di conseguenza (molto lasche con il Vang puntato), il timoniere grida, per farsi sentire da tutto l’equipaggio “PRONTI ALL'ABBATTUTA?”, dopo che tutto l’equipaggio avrà risposto con “PRONTI”, il timoniere potrà rispondere a sua volta “ABBATTO” e iniziare la manovra.

  2. Il timoniere dovrà quindi poggiare, nel momento in cui vedrà che la randa starà per passare sulla mure opposta, dovrà gridare “RANDA AL CENTRO”, a questo comando il randista dovrà cazzare la scotta di randa il più velocemente possibile, per evitare che il boma passi senza controllo sulla mure opposta danneggiando la barca, o peggio, ferendo un membro dell’equipaggio.
    ATTENZIONE: Un boma che passa in maniera incontrollata da una mure all'altra, può facilmente (anche su barche piccole) decapitare chi si dovesse trovare sulla traiettoria, raccomandiamo quindi di prestare la massima attenzione.
    Contemporaneamente il tailer dal lato in cui inizialmente si trova il fiocco, quando vedrà che la vela inizia a perdere aria e a volersi spostare sull'altra mure, dovrà lascare del tutto la scotta, togliendo ogni giro sul winch e lasciandola andare.

  3. A questo punto, il tailer che si trova sulla mure opposta a quella su cui si trovava il fiocco in partenza, dovrà cazzare la vela (sfruttando il winch su cui si era precedentemente preparato la scotta facendo uno o due giri), per farla passare sulla mure corretta e regolarla in base all'andatura corrente. Contemporaneamente, dopo aver cazzato la randa al centro, il randista potrà lascarla sull'altra mure e regolarla per l’andatura.

  4. Il timoniere, una volta completata la manovra dovrà riportare la barra al centro.
    La manovra si considera completa quando l’imbarcazione si trova al gran lasco sulla mure opposta a quella di partenza.

 

ATTENZIONE:

Data l’elevata pericolosità della manovra, raccomandiamo di provarla unicamente con un istruttore a bordo, almeno finché non si avrà acquisito abbastanza manualità da tentarla da soli.

Per limitare il rischio di danni o infortuni, fare pratica provando la manovra lentamente, così da avere abbastanza tempo per poter cazzare la randa a centro barca.

Crewhale sailing e i suoi collaboratori non si assumono alcuna responsabilità per danni a oggetti o persone causati dall'applicazione delle tecniche qui riportate.

 

Crewhale sailing e i suoi collaboratori non si assumono alcuna responsabilità per danni a oggetti o persone causati dall'applicazione delle tecniche riportate nel corso.

Engineered & Powered by Davide Dan
All Rights Reserved